Discussione:
[LONG] Amarcord 1996-2008: 12 anni da animefan
(troppo vecchio per rispondere)
Massimo Sabbadini
2008-05-31 19:34:33 UTC
Permalink
Spinto dal filmato segnalato da SK sui bei vecchi tempi delle fansub e
da un ricerca che ho fatto su Google Gruppi dei miei primissimi post
su IAC, ho deciso di scrivere questo pezzo, soprattutto per gli
animefan recenti che non hanno mai conosciuto altro mezzo di
diffusione al di fuori dei torrent. Spero di non annoiarvi con i miei
ricordi.


Ancora prima di sapere cosa significa "anime", ne ero gia' un fan
accanito. Sin da ragazzino riuscivo a notare la differenza tra lo
stile nipponico e quello americano nei cartoni.
Nel febbraio 1996 ho ottenuto per la prima volta un accesso ad
Internet e mi si e' spalancato un nuovo mondo. Erano i tempi di Video
On Line (il nucleo di cio' che poi diventera' TIN), dei modem a
14kbps, del browser Mosaic e della connessione in interurbana che
faceva schizzare la bolletta alle stelle.
In quel periodo andavano in onda su Italia 7 due anime che mi avevano
preso molto: Maison Ikkoku e Ranma 1/2. Restai piacevolmente sorpreso
quando scoprii che erano ideati dalla stessa signora, Rumiko
Takahashi, autrice anche di quel Lamu' che ricordavo vagamente per
avermi imbarazzato parecchio da bambino. Inutile dire che divenni
immediatamente un suo fan adorante.
Nell'estate di quello stesso anno scoprii l'esistenza dei newsgroup.
Dopo un periodo di lurking tramite Netscape, mi procurai una delle
primissime versioni beta di Forte' Agent (software che da allora non
ho mai abbandonato) e mi tuffai nelle discussioni.
Erano passati pochi mesi dalla fondazione di it.spettacolo.cartoni e
ancora meno dalla ridenominazione della gerarchia in it.arti.cartoni.
Non si erano ancora spenti gli echi del leggendario thread "Per
vivacizzare", che aveva creato le mitiche figure del Supremo Sato e
dell'Ammiraglio Kontorotsui. In quel periodo la "C" di IAC stava piu'
per "cazzeggio" che per "cartoni".

Sempre a quel tempo venni a conoscenza del mondo delle fansub, l'unica
via per accedere ai nuovi anime prodotti in Giappone, che solo molto
piu' tardi venivano importati in Italia e soggetti a pesanti censure,
se non del tutto ignorati dalle nostre emittenti.
All'epoca il mercato delle fansub era interamente costituito da
acquisti o scambi di VHS tramite la posta tradizionale. Non esisteva
ancora la banda larga, che oggi permette di scaricare un episodio di
anime in pochi minuti da un qualsiasi sistema peer-to-peer. I dvd
erano ancora un oggetto per pochi privilegiati.
Non possedendo alcun materiale di scambio, inizialmente fui costretto
ad acquistare. Mi procurai la prima serie di Gundam in 4 VHS per lo
scandaloso prezzo di 200.000 lire. Un furto, ma all'epoca non sapevo
come girava il mondo.
Per un prezzo piu' abbordabile mi procurai da due ragazzi di Milano
(che andai a trovare in treno) i 4 film dei Cavalieri dello Zodiaco e
il film di Maison Ikkoku. Ricordo che ricevetti in omaggio una
statuina di Slayn (il mago di Record of Lodoss War), che tuttora fa
mostra di se' in una vetrinetta.
Nel frattempo la partecipazione agli IAC meeting e alle fiere del
fumetto di Lucca e Milano contribui' ad arricchire la mia rete di
conoscenze e amicizie. La frequentazione quotidiana del canale #IAC su
irc.azzurra.com mi costo' dei pesanti rimbrotti da parte dei miei
genitori all'arrivo della bolletta.
La svolta avvenne quando uno dei primi grandi Aniba di Megane, lo
Shuriken, mi copio' la serie di Evangelion da poco arrivata dal
Giappone, al solo costo delle VHS vergini. Era la nuova serie culto
sulla bocca di tutti gli appassionati di animazione. Avevo ottenuto
una preziosissima merce di scambio. I miei 2 VCR iniziarono a lavorare
come matti per duplicare la serie a tutti gli interessati.
Correva il marzo 1997. Eva era gia' stato trasmesso da oltre un anno,
ma a quei tempi la diffusione delle serie nipponiche era molto piu'
lenta, legata ad amici di penna del Sol Levante che avevano la
pazienza di videoregistrare le serie dalla tv e spedirle in Italia,
naturalmente raw (*). Qui venivano rielaborate da volenterosi
fansubber armati di VCR, di Amiga o Mac e dei primi software di
titolazione. L'alternativa era procurarsi le serie direttamente dal
mercato americano.
Ricordo ancora i miei primissimi scambi. Dal grande aniba romano,
ormai dimenticato, CS25 ottenni in cambio di Eva i film di Ranma e
Dragonball. Da un aniba toscano ottenni Video Girl Ai, Patlabor e
Record of Lodoss War.
A quel punto avevo sufficiente materiale per avviare una fitta rete di
scambi ed arricchire la mia collezione.
Un altro aneddoto che voglio raccontare riguarda il mio primo viaggio
in auto dopo aver ottenuto la patente (febbraio 1998). Mi recai
immediatamente da uno IACer di Scandiano (RE), tale Vegetto, membro
come me del Dragonball Italian Fan Club, per scambiare delle VHS. Da
lui ottenni gran parte della serie tv di DBZ, in particolare la saga
di Freezer dalla tv portoghese e la saga di Cell dalla tv catalana,
nonche' il nuovissimo Dragonball GT raw. Tutta la serie venne
trasmessa pochi anni dopo da Italia 1, ma allora non si sapeva.

Questa data pone fine al periodo pionieristico della mia vita di
animefan. Nell'ottobre 1997 infatti entro all'universita' di Verona,
dove conosco altri appassionati con cui inizio a scambiare qualche
VHS. Ma i tempi dei nastri registrati sono giunti al termine.
Cominciano a girare i primi cd di filmati anime. Grazie alla banda
larga fornita dalla connessione universitaria, diventa possibile
accedere alle prime fansub in formato Real Media. A quel tempo, data
la limitata disponibilita' di banda e di spazio di memorizzazione, i
file erano tipicamente degli RM di circa 40-50 Mb in formato
francobollo, che una volta aperti a tutto schermo presentavano delle
evidenti squadrettature. Ma era comunque una pacchia.
Le piattaforme peer-to-peer non erano ancora diffuse, per condividere
i file si utilizzavano dei depositi virtuali (che mediamente offrivano
300 Mb di spazio) i cui indirizzi erano reperibili sui forum o sui
siti personali dei fan. I piu' fortunati disponevano di un proprio
spazio FTP (o lo prendevano in "prestito" dal server universitario).
Per trasportare i file utilizzavo un drive Iomega Zip da 100 Mb. La
prima serie che scaricai fu Flame of Recca: 42 episodi, che ho
raccolto in soli 4 CD!

Negli anni 2000, con l'avanzare delle tecnologie e il diffondersi
dell'ADSL a prezzi accessibili, il mondo delle fansub cambia
radicalmente, diventando sempre piu' user-friendly. Il formato
standard diventa l'AVI DivX a 704x400 pixel, che fornisce una buona
qualita' video anche a schermo intero. Emergono le reti peer-to-peer
come Napster, Kazaa, eDonkey e WinMX, che rendono superfluo ricercare
i link su oscuri forum o sui siti personali dei fansubber. Gli anime
sono davvero alla portata di un click.
Negli anni seguenti Napster perde la battaglia legale, diventa un sito
a pagamento e viene abbandonato; eDonkey si trasforma in eMule; Kazaa
e WinMX cadono in disuso a favore delle reti giapponesi Share e Winny.
Ma e' soprattutto l'avvento di Bittorrent a rivoluzionare il modo di
fruire degli anime al giorno d'oggi. Si passa sempre piu' a formati di
alta qualita': 1280x720 pixel con codifica H.264, incapsulati nel
formato Matrovska per avere multiple tracce audio e multiple tracce di
sottotitoli. Ormai si e' giunti al punto che le fansub piu' evolute
sono indistinguibili dall'edizione in dvd del medesimo anime. D'altro
canto, il fatto che qualsiasi John Doe possa trasformarsi in fansubber
ha provocato un vistoso calo della qualita' dei sottotitoli.
Fortunatamente esistono ancora gruppi che si prendono i loro tempi per
fare un lavoro come si deve, senza cadere in assurde gare di velocita'
con gli altri subber.
Le compagnie produttrici, preoccupate per la diffusione gratuita dei
loro lavori, hanno cominciato a farsi sentire in ambito legale, ma
l'esperienza mi insegna che morto un sistema PTP, se ne fa un altro.
Un buon esempio e' stato dato dalla Gonzo con il rilascio di sub
legali e professionali di Tower of Druaga e Blassreiter. Pago
regolarmente ogni settimana 2$ a Crunchyroll per il mio episodio
settimanale di Druaga e credo che questa sia la strada maestra da
percorrere.


(*) immaginatevi cosa fu guardare Evangelion in lingua originale, con
il solo supporto degli script in "Engrish" scaricati dalla rete!
--
Massimo "Gohan" Sabbadini
Email: sesabbad(at)tin.it
"Se non impugno una spada non posso difenderti.
Se impugno una spada non posso abbracciarti." (T. Kubo)
echo
2008-05-31 19:50:34 UTC
Permalink
On Sat, 31 May 2008 21:34:33 +0200, Massimo Sabbadini
Post by Massimo Sabbadini
Spinto dal filmato segnalato da SK sui bei vecchi tempi delle fansub e
da un ricerca che ho fatto su Google Gruppi dei miei primissimi post
su IAC, ho deciso di scrivere questo pezzo, soprattutto per gli
animefan recenti che non hanno mai conosciuto altro mezzo di
diffusione al di fuori dei torrent. Spero di non annoiarvi con i miei
ricordi.
ora, da bravo aniba, và a collocare questo bellissimo post
nell'apposita pagina di wikIAC^^
--
*INCIVIL WAR* I'm with Gurzo
mast
2008-05-31 20:30:59 UTC
Permalink
Post by Massimo Sabbadini
Un buon esempio e' stato dato dalla Gonzo con il rilascio di sub
legali e professionali di Tower of Druaga e Blassreiter. Pago
regolarmente ogni settimana 2$ a Crunchyroll per il mio episodio
settimanale di Druaga e credo che questa sia la strada maestra da
percorrere.
Buon esempio? per me il fansub con questo trucchetto muore del
tutto.Non lo dico perchè preferisco scoccare anime dalla rete invece
che comprare, ma in questo modo il concetto di fansub non va a
donnini? Insomma la passione per gli anime che porta alla sua
lavorazione e distribuzione per tutti se la rendiamo lucro l'elemento
del fan non finisce nel cesso per il vil denaro?
Fei Fong Wong
2008-05-31 21:56:37 UTC
Permalink
Buon esempio? per me il fansub con questo trucchetto muore del tutto.Non
lo dico perchè preferisco scoccare anime dalla rete invece che comprare,
ma in questo modo il concetto di fansub non va a donnini? Insomma la
passione per gli anime che porta alla sua lavorazione e distribuzione
per tutti se la rendiamo lucro l'elemento del fan non finisce nel cesso
per il vil denaro?
Parli come se il fansub fosse un qualcosa che debba esistere per forza.
Finalmente qualcuno ha iniziato a distribuire anime tradotti rendendoli
disponibili per tutti in contemporanea con la messa in onda in Giappone a
prezzi ragionevoli (se non gratis)... Sarebbe da considerare una brutta
cosa? La speranza e' che il mercato SEGUA quest'esempio e ci siano piu'
titoli disponibili con questa metodologia.
In una situazione del genere il fansub non ha senso di esistere (ed uno
degli scopi di questa iniziativa e' proprio contrastare il fenomeno)
perche' sostituito dalla disponibilita' del prodotto distribuito in
maniera legale. Il fansub nello scopo principale nasce per promuovere
serie per l'importazione, se esiste gia' un modo per ottenerle eventuali
fansub 'diventano' solo quello che sono gia' essenzialmente: pirateria.
--
Fei Fong Wong * ***@gmail.com

"That long, long memory of a dream...
Perhaps it was the memory of my soul."
vt75ge
2008-06-01 07:31:35 UTC
Permalink
Post by Fei Fong Wong
Parli come se il fansub fosse un qualcosa che debba esistere per forza.
Finalmente qualcuno ha iniziato a distribuire anime tradotti rendendoli
disponibili per tutti in contemporanea con la messa in onda in Giappone a
prezzi ragionevoli (se non gratis)... Sarebbe da considerare una brutta
cosa? La speranza e' che il mercato SEGUA quest'esempio e ci siano piu'
titoli disponibili con questa metodologia.
Il punto principale, per me, non è nè la questione del prezzo in sè (io
sono l'unico a voler vedere 10 episodi per dvd in qualità "normale"
senza extra) nè la contemporaneità col Giappone ma l'integrità del
prodotto.
Io pretendo un titolo nella sua originalità, senza censure e/o
adattamenti, sta a me (e solo a me) decidere se un titolo è "corretto"
o no.
--
http://nekomonogatari.myblog.it/
Fei Fong Wong
2008-06-01 11:38:54 UTC
Permalink
Post by vt75ge
Il punto principale, per me, non è nè la questione del prezzo in sè (io
sono l'unico a voler vedere 10 episodi per dvd in qualità "normale"
senza extra) nè la contemporaneità col Giappone ma l'integrità del
prodotto.
Io pretendo un titolo nella sua originalità, senza censure e/o
adattamenti, sta a me (e solo a me) decidere se un titolo è "corretto" o
no.
Giusto pretendere la correttezza dell'adattamento e premiare chi lo fa al
meglio, ma questa cosa non deve diventare una scusa (faccio un discorso
in generale, non rivolto particolarmente a qualcuno): "non guardo la
versione italiana perche' la voce del personaggio X non mi piace", "non
compro i dvd perche' hanno messo 'dolcetto' al posto di taiyaki", "Non
prendo la roba della Panini perche' mi stanno antipatici", ecc... ecc...
Forse sembra esagerato ma discorsi simili si leggono spesso e volentieri,
e a me sembrano solo delle scuse per giustificare il fatto di seguire una
serie in 'fansub' quando esiste una serie licenziata in Italia. Poi ci
sono i casi limite come certe serie mediaset, ma ormai li' siamo
(fortunatamente o sfortunatamente, a seconda dei punti di vista) una
goccia nel mare. La cosa da fare in casi del genere e' _non_ comprare o
_non_ guardare il prodotto in questione, un anime non e' un obbligo.
--
Fei Fong Wong * ***@gmail.com

"That long, long memory of a dream...
Perhaps it was the memory of my soul."
vt75ge
2008-06-01 12:26:27 UTC
Permalink
Fei Fong Wong si dichiara responsabile di quanto scritto:

[cut]
Post by Fei Fong Wong
La cosa da fare in casi del genere e' _non_ comprare o
_non_ guardare il prodotto in questione, un anime non e' un obbligo.
Infatti, ma questo credo sia sottinteso.
Un anime non diventa più bello se è "gratis" o se è in lingua
originale, così come non lo diventa se ha una bella custodia amaray.
Io ho troncato tantissimi titoli subbati perchè non mi piacevano,
invece comprerò i più belli (tipo Death note) se la PlaMa offrirà un
prodotto all'altezza delle aspettative, come la lingua originale,
nessun taglio e prezzo abbordabile (sicuramente non più di 10 euro ad
episodio).
--
http://nekomonogatari.myblog.it/
mast
2008-06-01 10:29:06 UTC
Permalink
Post by Fei Fong Wong
Buon esempio? per me il fansub con questo trucchetto muore del tutto.Non
lo dico perchè preferisco scoccare anime dalla rete invece che comprare,
ma in questo modo il concetto di fansub non va a donnini? Insomma la
passione per gli anime che porta alla sua lavorazione e distribuzione
per tutti se la rendiamo lucro l'elemento del fan non finisce nel cesso
per il vil denaro?
Parli come se il fansub fosse un qualcosa che debba esistere per forza.
Finalmente qualcuno ha iniziato a distribuire anime tradotti rendendoli
disponibili per tutti in contemporanea con la messa in onda in Giappone a
prezzi ragionevoli (se non gratis)... Sarebbe da considerare una brutta
cosa? La speranza e' che il mercato SEGUA quest'esempio e ci siano piu'
titoli disponibili con questa metodologia.
Quasi gratis? Non mi pare, ma poi spendere dindinni per video fatta
alla cazzo non mi sembra ragionevole. Che sia contemporaneo al jap
non me ne puà fragare di meno.Io cmq dicevo un'altra cosa ed
infatti...
Post by Fei Fong Wong
perche' sostituito dalla disponibilita' del prodotto distribuito in
maniera legale. Il fansub nello scopo principale nasce per promuovere
serie per l'importazione, se esiste gia' un modo per ottenerle eventuali
fansub 'diventano' solo quello che sono gia' essenzialmente: pirateria.
Ma quale illegale? In jap semmai è così, ma se i diritti in italia non
vengono comprati dove sta l'illegalità.
Per me il fansub esisite non solo per la diffusione, ma anche perche
di fondo c'è la volontà dell'appasionato di lavorarci senza lucrare,
Fei Fong Wong
2008-06-01 11:22:17 UTC
Permalink
Quasi gratis? Non mi pare, ma poi spendere dindinni per video fatta alla
cazzo non mi sembra ragionevole. Che sia contemporaneo al jap non me ne
puà fragare di meno.Io cmq dicevo un'altra cosa ed infatti...
Rilancio, non e' quasi _E'_ gratis. Il fatto che sia un flusso a bassa
qualita' su youtube o crunchyroll non implica la non gratuita' della
cosa. Sulla ragionevolezza e' una cosa del tutto personale visto che sei
tu che decidi come impiegare i tuoi soldi. Per me spendere una cifra a
piacere (es. crunchyroll) per avere un sub SD mi pare una buona offerta.
E anche bost nonostante venga meno nominato ha una buona qualita': gli
streaming sono ok e i download nonostante la bassa risoluzione sono
encodati benissimo. La contemporaneita' e' un bonus che mi spinge ad
apprezzare l'iniziativa.
Ma quale illegale? In jap semmai è così, ma se i diritti in italia non
vengono comprati dove sta l'illegalità. Per me il fansub esisite non
solo per la diffusione, ma anche perche di fondo c'è la volontà
dell'appasionato di lavorarci senza lucrare,
Si, illegale, sia in Giappone che qui in Italia. Non sto qui a farti una
tirata sulle leggi del diritto d'autore e le varie convenzioni che
esistono (se ne e' discusso fino alla morte per smascellamento da
sbadiglio), ma il succo e' che passione o non passione i fansub sono
pirateria tollerata. E' una cosa che chiunque produce o scarica fansub
dovrebbe avere bene in mente.
Un fansubber vero produce queste cose per passione sapendo di fare un
illecito 'necessario' per dare visibilita' all'oggetto della propria
passione e si fa quindi da parte quando raggiunge il suo scopo.
Se esiste un alternativa legale il fansub DEVE 'andarsene a donnini', non
tirarmi in ballo vil denaro vs passione perche' la sola passione non
motivata da lucro non legittima l'operato di un 'fansubber' su di un
opera licenziata: il perseverare produce solo danni al licensor che ha
sborsato dei soldi per distribuirla e danneggia il mercato degli anime in
generale.
--
Fei Fong Wong * ***@gmail.com

"That long, long memory of a dream...
Perhaps it was the memory of my soul."
War3333
2008-06-01 12:05:15 UTC
Permalink
Stavo cercando di capire come sigillare l'anima di Mia Fey per sempre
Post by mast
Quasi gratis? Non mi pare, ma poi spendere dindinni per video fatta
alla cazzo non mi sembra ragionevole.
Ne hai visto uno da dire che è fatto alla cazzo? La traduzione
sicuramente segue lo stile delle fansub (conserva gli onorifici e la
traduzione dei cartelli) ma oltre a questo è stato adattato in maniera
più professionale (o almeno a me da quell'impressione).
Ho letto, per farti un esempio, che gli script inglesi dei due anime
GONZO si prendono molte libertà di adattamento quasi (anzi sicuramente
è così) come avessero accesso a documentazione più dettagliata del solo
dialogo per tradurre certe frasi...
Post by mast
Che sia contemporaneo al
japnon me ne puà fragare di meno.Io cmq dicevo un'altra cosa ed
infatti...
Che sia contemporaneo è necessario solo perchè deve contrastare un
fenomeno come il fansub che solitamente è molto veloce nei rilasci...
arrivando a record come quelli di Code Geass dove a manco sei o sette
ore dalla proiezione si trovano già...
Sai gli scrocconi si parerebbero dietro qualsiasi scusa pur di
giustificare la loro taccagneria.
Post by mast
Ma quale illegale? In jap semmai è così, ma se i diritti in italia
nonvengono comprati dove sta l'illegalità.
Come ti hanno già risposto è illegale visto che il nostro paese
riconosce il diritto d'autore a livello internazionale, che sia
tollerato è tutto un altro paio di maniche e i continui cambi di
tracker dei vari gruppi perchè di tanto in tanto qualche casa
giapponese fa valere i suoi diritti con gli hosting (non potendo
arrivare ai reali colpevoli) ne è un esempio lampante...
Post by mast
Per me il fansub esisite non solo per la diffusione, ma anche
perchedi fondo c'è la volontà dell'appasionato di lavorarci senza
lucrare,
E allora? Qual'è la volontà di questo appassionato? Perchè ci perde
tutto questo tempo dietro? Mandare in fallimento l'azienda che produce
la cosa di cui è appassionato non mi sembra una grande forma di
rispetto della sua passione, e ti anticipo aggiungendo che non è
esagerata la parola fallimento poichè quello è il risultato finale del
pensiero che hai espresso.

War3333
--
I'm using an evaluation license of nemo since 168 days.
You should really try it!
http://www.malcom-mac.com/nemo
Makai Kishi Lennier
2008-06-01 11:55:28 UTC
Permalink
Post by mast
Insomma la passione per gli anime che porta alla sua
lavorazione e distribuzione per tutti se la rendiamo lucro l'elemento
del fan non finisce nel cesso per il vil denaro?
Se la mettiamo sul piano del denaro, chi scarica fansub senza comprare
mai nulla, adducendo una scusa o un'altra, etica o scaturita dalla
proria morale, è il peggio del peggio... oppure no? :)
--
Lennier

"Where there is light, shadows lurk and fear reigns
but by the blade of Knights mankind was given hope"
mast
2008-06-01 12:05:09 UTC
Permalink
Post by Makai Kishi Lennier
Post by mast
Insomma la passione per gli anime che porta alla sua
lavorazione e distribuzione per tutti se la rendiamo lucro l'elemento
del fan non finisce nel cesso per il vil denaro?
Se la mettiamo sul piano del denaro, chi scarica fansub senza comprare
mai nulla, adducendo una scusa o un'altra, etica o scaturita dalla
proria morale, è il peggio del peggio... oppure no? :)
Ma nel mio caso non è così.Quando una serie arriva è mi piace la
copro.
Poi in un discorso più generale hai ragione
Makai Kishi Lennier
2008-06-01 12:35:33 UTC
Permalink
Post by mast
Ma nel mio caso non è così.Quando una serie arriva è mi piace la
copro.
Ma d'estate mi sa che sentirà caldo...
--
Lennier

"Where there is light, shadows lurk and fear reigns
but by the blade of Knights mankind was given hope"
Massimo Sabbadini
2008-06-01 17:54:07 UTC
Permalink
Post by mast
Post by Massimo Sabbadini
Un buon esempio e' stato dato dalla Gonzo con il rilascio di sub
legali e professionali di Tower of Druaga e Blassreiter. Pago
Buon esempio? per me il fansub con questo trucchetto muore del
tutto.Non lo dico perchè preferisco scoccare anime dalla rete invece
che comprare, ma in questo modo il concetto di fansub non va a
L'esistenza del fansub e' legata al fatto che le serie non sono
immediatamente disponibili in un linguaggio comprensibile e a prezzi
accettabili. Ma se la Gonzo mi mette a disposizione una versione
subbed in inglese contemporaneamente alla trasmissione tv e a un
prezzo ragionevole (in realta' puoi anche non pagare nulla, l'offerta
e' libera), non ha piu' senso creare le fansub.
Purtroppo la rete e' piena di imbecilli che non si accontentano e
continuano a prendere la raw HD 1280x720 e a schiaffarci sopra i
sottotitoli Gonzo estrapolati con qualche programma di OCR.
Post by mast
donnini? Insomma la passione per gli anime che porta alla sua
lavorazione e distribuzione per tutti se la rendiamo lucro l'elemento
del fan non finisce nel cesso per il vil denaro?
Il lucro e' quello della casa produttrice che LEGITTIMAMENTE vuole
recuperare i soldi che ha investito nella creazione dell'anime.
--
Massimo "Gohan" Sabbadini
Email: sesabbad(at)tin.it
"Se non impugno una spada non posso difenderti.
Se impugno una spada non posso abbracciarti." (T. Kubo)
qu
2008-05-31 23:59:04 UTC
Permalink
Non sapendo come meglio impiegare il suo tempo, nel
messaggio:***@4ax.com,
Massimo Sabbadini <***@tin.it> raccontò al prossimo suo:
cut
Post by Massimo Sabbadini
(*) immaginatevi cosa fu guardare Evangelion in lingua originale, con
il solo supporto degli script in "Engrish" scaricati dalla rete!
Immagina cosa è dovuto essere guardarmi Totoro in Tv, da vcd, tenendo in
mano un librettino coi dialoghi...

Ah, vero: volendo lo si dovrebbe fare tutt'ora :(

occomesiamoveci...
--
qu
qu[levami]@x-planet.org (elimina [levami] per scrivermi)
''se la gente che inculatasi reciprocamente formasse un anello, la Terra
sarebbe Saturno"
Un consiglio per il quote:

Eugeal Ivanova
2008-06-01 09:10:20 UTC
Permalink
qu ha detto...
Post by qu
Post by Massimo Sabbadini
(*) immaginatevi cosa fu guardare Evangelion in lingua originale, con
il solo supporto degli script in "Engrish" scaricati dalla rete!
Immagina cosa è dovuto essere guardarmi Totoro in Tv, da vcd, tenendo
in mano un librettino coi dialoghi...
Io Totoro l'ho visto in giapponese sottotitolato in cinese senza
librettino dei dialoghi :D

Eugeal
--
+=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-+-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=+
| No boom today? | http://eudial.altervista.org |
| Boom tomorrow. | http://eugeal.deviantart.com |
+=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-+-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=+
ShiNGetta74 AkA JeKkO
2008-06-01 21:31:14 UTC
Permalink
Post by Eugeal Ivanova
qu ha detto...
Post by qu
Post by Massimo Sabbadini
(*) immaginatevi cosa fu guardare Evangelion in lingua originale, con
il solo supporto degli script in "Engrish" scaricati dalla rete!
Immagina cosa è dovuto essere guardarmi Totoro in Tv, da vcd, tenendo
in mano un librettino coi dialoghi...
Io Totoro l'ho visto in giapponese sottotitolato in cinese senza
librettino dei dialoghi :D
IO PURE!
Makai Kishi Lennier
2008-06-01 11:55:26 UTC
Permalink
Spero di non annoiarvi con i miei ricordi.
Personalmente l'ho trovato un racconto molto bello con molte analogie
con la mia esperienza :) sebbene io sia partito con il collezionare
principalmente serie e film italiani e poi sia passato alle fansub.
in auto dopo aver ottenuto la patente (febbraio 1998). Mi recai
immediatamente da uno IACer di Scandiano (RE), tale Vegetto, membro
come me del Dragonball Italian Fan Club, per scambiare delle VHS.
Oh mio Dio... ci ho scambiato spesso pure io, ai tempi delle VHS. Le
iniziali erano "A.B."? :D
(*) immaginatevi cosa fu guardare Evangelion in lingua originale, con
il solo supporto degli script in "Engrish" scaricati dalla rete!
I mitici script di "sta piangendo nell'altoparlante" e "il cancello
non lavora"? ^____^ Ce li ho ancora da qualche parte, sia in forma
elettronica che cartacea.
--
Lennier

"Where there is light, shadows lurk and fear reigns
but by the blade of Knights mankind was given hope"
f***@email.it
2008-06-03 17:21:58 UTC
Permalink
Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana, Massimo Sabbadini
<***@tin.it> ha scritto:

Ciao, era un pò che volevo iniziare a postare anch'io qui, approfitto
per presentarmi e per fare un pò di amarcord pure io :)

Tutto comincio' col trasferimento a Torino per studiare al Poli,
ricordo ancora la data (20 ottobre 2003) in cui comprai il primo manga
su una bancarella: il mitico n.20 di Mangazine con Nausicaa in
copertina..
Ho iniziato anche io più o meno nel tuo stesso periodo (95 - 96) a
frequentare Internet, e i fan club di anime, conoscendo un sacco di
persone.

Seguivo e seguo ancora i newsgroups, ma mi sono quasi sempre limitato
a lurkarli... devo essere uno dei più assidui lurkatori di tutta
Usenet!
IAC tendevo un pò ad evitarlo, vista la mole enorme di messaggi, OT e
scazzo generale :)
All'epoca avevo postato per un periodo su it.arti.animazione (se ben
ricordo il nome), almeno finchè non venni buttato fuori assieme ai 3/4
degli utenti abituali per manifesto OT, cosa che coincise con un
blocco del server news del Poli di Torino... fine della mia esperienza
da usenettaro attivo.
Agent raccoglie ancora i messaggi che ogni tanto capitano su diversi
gruppi ormai morenti... un paio di anni fa, visto il mortorio decisi
di sottoscrivere finalmente IAC, che nel frattempo era diventato
decisamente più vivibile... a patto di usare accortamente il killfile
;-) (comunque non ho mai killato nessun essere umano, a parte una
banda di troll che aveva deciso di invadere ifjrt solo per romprere le
scatole ^_^)

Ricordo l'epoca delle videocassette duplicate fino alla 10^
generazione... purtroppo, avendo un vcr solo ero sempre quello che
elemosinava, e non potevo quasi mai contraccambiare. :)
Poi gli studi, la ragazza, il lavoro, la famiglia... classica storia
:D
mi sono limitato per molto tempo a registrare quello che passava in
TV, guardare e riciclare le cassette decine di volte.
Intanto la collezione di manga cresceva nella mia libreria, anche se
ultimamente sempre meno titoli attirano la mia attenzione, sarà che
sono troppo vecchio ^_^

Anime preferiti dell'epoca: Maison Ikkoku, visto e rivisto almeno 10
volte ^_^, e i film di Miyazaki che, a parte Cagliostro e Nausicaa in
italiano e Laputa in Inglese, me li sono goduti tutti in v.o. senza
neanche i sottotitoli... scoprii poco più tardi le traduzioni su
nausicaa.net, ma vederseli con un .txt stampato sulle ginocchia non
era il massimo dalla vita ^_^

Negli ultimi anni l'ADSL a totale disposizione ha segnato la nuova
era, anche se il tempo a disposizione e' quello che e'... la prima a
farne le spese e' stata la TV, oramai relegata a far vedere i dvd al
bimbo, secondo il VCR ormai in soffitta.

Spero di riuscire a frequentare con un minimo di assiduità IAC...
Continua a leggere su narkive:
Loading...